D.L. Rilancio, art. 25: richiesta del contributo a fondo perduto

In breve

Il contributo è fissato in una percentuale calcolata sulla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 inferiore ai due terzi dell’ammontare del mese di aprile 2019.. Tale % è del:
20% per chi ha ricavi annui non superiori a 400.000 euro;
15% per chi ha ricavi annui tra 400 mila e un milione di euro;
10% per chi ha ricavi annui tra 1 e 5 milioni di euro,
con un minimo di 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 euro per le società.

L’art. 25 del Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020, nell’ambito del Titolo II “Sostegno all’impresa e all’economia” ha introdotto un contributo a fondo perduto e destinato ai soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid 19”, che verrà erogato direttamente dall’Agenzia delle Entrate a favore dei soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita IVA, di cui al TUIR.

Il contributo spetta a coloro che non hanno avuto ricavi superiori a 5 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019, ed occorre aver aver avuto un ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 inferiore ai due terzi dell’ammontare del mese di aprile 2019.

Il predetto contributo spetta sempre nelle seguenti casistiche:

  • aver iniziato l’attività dopo il 31 dicembre 2018
  • avere il domicilio fiscale o la sede operativa situati nel territorio di Comuni colpiti da eventi calamitosi, i cui stati di emergenza erano in atto alla data del 31 gennaio 2020.

Le percentuali da applicare alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019 rispetto a quello dell’aprile 2020 (se superiore ai 2/3) sono le seguenti:
20% per i soggetti con ricavi/compensi 2019 non superiori a 400mila euro;
15% per i soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 400mila e 1 mln. di euro;
10% per i soggetti con ricavi/compensi 2019 superiori a 1 mln. di euro (e fino a 5 milioni di euro).

L’ammontare del contributo a fondo perduto è riconosciuto, comunque, ai soggetti beneficiari aventi diritto, per un importo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Tale contributo deve ritenersi “in conto esercizio“, in quanto erogato ad integrazione di mancati ricavi a seguito dell’epidemia Covid-19 (principio contabile OIC 12, voce A5 del conto economico). Lo stesso “non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi, non rileva altresì ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 (calcolo degli interessi passivi deducibili) e 109, comma 5 (deducibilità dei costi diversi dagli interessi passivi), TUIR, e non concorre alla formazione del valore della produzione netta a fini IRAP”. Il contributo non è conteggiato nell’ambito degli aiuti “de minimis”. Infine, tale contributo non è assoggettato alla ritenuta del 4% a titolo di acconto di cui all’art. 28, comma 2, DPR 600/73.

L’istanza deve essere presentata per via telematica all’Agenzia delle Entrate, entro 60 giorni dal provvedimento del Direttore (per cui entro il 13 agosto 2020). Può essere inviata direttamente (tramite Fisconline) o a mezzo un intermediario abilitato (es. commercialista), tramite “Cassetto fiscale” o delega “Fatture e Corrispettivi”. Le pratiche di importo superiore a 150mila euro richiedono una diversa procedura e l’autocertificazione antimafia.

L’Agenzia delle Entrate eroga il contributo, sulla base delle informazioni contenute nell’istanza, mediante accreditamento diretto in conto corrente bancario o postale intestato al soggetto beneficiario. Il contributo è concesso “sotto condizione risolutiva”, nel senso che la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Entrate stessa possono procedere al controllo dei dati successivamente all’erogazione dello stesso e qualora il contributo non spettasse, lo recupera irrogando le sanzioni e gli interessi con apposito atto.

Scopri i vantaggi di Fisconoprofit

Registrati

Partner