E’ ufficialmente iniziata la lotta al contante

In breve

Avvio ad ostacoli. Difficoltà nella registrazione degli strumenti di pagamento che rischiano di aver mandato all’aria il primo giorno.

Per il cashback il primo giorno è stato una gara di ostacoli, applicazione non funzionante ed esplosione di accessi.

Durante la giornata di ieri 8 dicembre, gli utenti, aprendo l’applicazione “IO” si sono trovati di fronte diversi messaggi di errore, tra cui:

“Non è stato possibile caricare i metodi di pagamento, riprova per piacere”

“Carico i metodi di pagamento…”

L’applicazione non ha consentito di registrare gli strumenti di pagamento che consentono di partecipare al rimborso, come è stato segnalato anche sui social, bloccandosi in tanti casi. E’ stato un problema rilevante dato che essendo una giornata di festa, nelle zone “gialle”, in molti hanno iniziato lo “shopping natalizio” e quindi pensavano già di guadagnare “punti” utili per ottenere la restituzione a febbraio dell’anno prossimo, a condizione che venga comunicato l’IBAN entro la fine di quest’anno (non si tratta di una vera e propria comunicazione in quanto le coordinate sono già richieste in fase di registrazione).

Chi ha attivato il cashback tramite l’applicazione Satispay vedeva già il suo IBAN nell’applicazione ufficiale “IO”. La società Satispay rende noto che questa operazione è stata effettuata dal 30% dei suoi utenti. Non sarà facilissimo raggiungere le 10 operazioni tra l’8 e il 31 dicembre, considerate le restrizioni delle regioni per contenere l’emergenza coronavirus. Vengono conteggiate le operazioni effettuate dal giorno successivo a quello di attivazione del metodo di pagamento, quindi si rischia di aver perso una grande occasione.

Dall’8 al 31 dicembre, infatti, l’iniziativa consente l’accredito del 10%, fino ad un massimo di 150 euro, su almeno 10 acquisti effettuati entro fine anno tramite carte di credito, debito e bancomat.

L’applicazione “IO” rassicura che le transazioni effettuate con i metodi di pagamento salvati in portafoglio, anche se sono state segnalate difficoltà, saranno comunque registrate ai fini del programma.

Le Faq avvertono che possono servire fino a 3 giorni per vedere all’interno dell’applicazione IO le operazioni eseguite.

Il Sole 24 Ore del 09/12/2020, pag. 8 Giovanni Parente e Cristiano dell’Oste 

Lascia un commento

  • Liguria arancione e confermate Piemonte/Valle d’Aosta rosse … le limitazioni …
  • Scopri i vantaggi di Fisconoprofit

    Registrati

    Partner