A proposito di motori, bollo auto 2021

In breve

In merito al bollo auto 2021 sono previste alcune novità, esenzioni e agevolazioni.
Sul sito dell’Aci è possibile calcolare l’importo inserendo i dati del mezzo.
Gennaio è un mese di fuoco per quanto riguarda i pagamenti.
Per gli automobilisti italiani questo mese è dedicato al pagamento del bollo auto.
Fanno eccezione solo due regioni italiane.

Le novità relative al bollo auto per l’anno 2021

Sono tanti i pagamenti e le scadenze nel mese di gennaio. Per gli automobilisti italiani il primo mese dell’anno è dedicato al pagamento del bollo auto. Fanno eccezione le regioni: Friuli Venezia Giulia e Sardegna, per le quali la tassa è gestita dall’Agenzia delle Entrate.

Una delle novità di quest’anno è che per il pagamento si potrà beneficiare del bonus cashback. Rientra quindi tra le transazioni che danno diritto al rimborso del 10% riconosciuto dallo Stato.

Vale anche per chi lo deve pagare nei prossimi mesi dell’anno.

C’è anche chi ha l’esenzione, che può essere riconosciuta su base nazionale o regionale. Sul sito dell’Aci c’è la cifra esatta da pagare a seconda della regione di riferimento.

E’ necessario avere il numero di targa. In un attimo verrà visualizzata la scadenza per il pagamento e l’importo del bollo. Le agevolazioni sono per quelle con alimentazioni alternative più pulite. Termini di pagamenti differenti riguardano anche le zone colpite dal sisma del 24 agosto e del terremoto del dicembre 2018. Le esenzioni sono stabilite discrezionalmente dalle singole Amministrazioni in merito alla situazione pandemica legata al Covid-19.

La tassa di possesso deve essere pagata entro:

  • 01/02/2021 nel caso in cui sia scaduta a dicembre 2020;
  • 01/03/2021 nel caso in cui scade a gennaio 2021.;
  • 31/05/2021 nel caso in cui scadrà ad aprile 2021;
  • 31/08/2021 nel caso in cui scadrà a luglio 2021;
  • 30/09/2021 nel caso in cui scadrà ad agosto 2021;
  • 02/11/2021 nel caso in cui scadrà a settembre 2021;
  • 31/01/2022 nel caso in cui scadrà a dicembre 2021.

Per i veicoli nuovi il bollo va versato entro il mese di immatricolazione dell’auto. I termini di pagamenti sono differenti per i residenti dei comuni colpiti dagli eventi sismici del 24 agosto 2016 e del dicembre 2018.

Nel 2020 alcune regioni lo hanno sospeso indicando il termine per il versamento della tassa senza applicazione di sanzioni e interessi.

Per il calcolo, bisogna sapere i KW o i CV per le auto il cui libretto di circolazione riporta anche la potenza massima espressa in CV. I veicoli di potenza superiore a 100 KW: il calcolo va effettuato aggiungendo all’importo base moltiplicato per 100 KW i singoli KW eccedenti i 100 moltiplicati per l’importo unitario riportato nel rigo successivo. Per i pagamenti inferiori bisogna dividere il prodotto ottenuto per 12 e moltiplicare tale risultato per il numero di mesi per cui si intende pagare la tassa auto.

Lascia un commento

Scopri i vantaggi di Fisconoprofit

Registrati

Partner